Qual è la merenda migliore per tuo figlio?

L’esperto consiglia

bambini merende

Cosa mettere nello zaino del proprio figlio per merenda a scuola?

Il Professore Ordinario di Pediatria e Direttore dell’Unità Operativa di Pediatria a Media Intensità di Cura della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, Carlo Agostoni, ci spiega che: “mangiare uno snack a metà mattina o metà pomeriggio è molto importante, poiché migliora le prestazioni sui libri contribuendo nel contempo a spezzare la fame. Bisogna, però, saper scegliere la merenda giusta, in modo che questa sia completa, nutritiva ma non pesante o troppo grassa”.

Quale scegliere?

bambini merenda

Il Professore continua raccomandando la selezione di merendine “ricche di carboidrati a lento assorbimento, con grassi provenienti da latticini o derivati e alimenti di facile digeribilità”. Consiglia alle mamme, inoltre, di provare a replicare le merendine industriali presenti sul commercio, combinando in modo analogo la versione casereccia dei prodotti presenti in esse.

Quando la scuola fa venire il mal di testa

Chi ne soffre

bambina emicrania

L’età più colpita è tra gli 11 e i 15 anni, ad avere la peggio gli adolescenti, in particolare le ragazze. Ancora più frequente tra i figli di genitori emicranici, i quali nel 60% dei casi ereditano il problema.

La scuola può essere una delle cause del mal di testa, con attacchi pulsanti che si diffondono dietro l’occhio e nella zona della tempia, che possono talvolta essere accompagnati da nausea e vomito.

Parola allo specialista

bambina scuola

Secondo i dati diffusi dal coordinatore del dipartimento di neurologia, centro cefalee, all’IRCCS San Raffaele di Milano, Bruno Colombo, questi attacchi possono presentarsi da 1 a 3 volte in un mese e tenere lontani da scuola i ragazzi fino a 7-8 giorni l’anno.

“Conseguenze del mal di testa possono essere iperattività e distraibilità, che si ripercuotono sulla resa scolastica e causano maggiore difficoltà di concentrazione ed attenzione”, spiega lo specialista. “Abbiamo preparati di tipo nutraceutico che possono evitare che il mal di testa assuma un carattere di cronicità” aggiunge Colombo. “I composti più efficaci, e molto ben tollerati, sono quelli contenenti magnesio, vitamina B2, coenzima Q10 e estratti di alcune piante, in particolare il Partenio e il Gingko Biloba”.

I consigli

bambino cioccolato

Esistono anche alimenti che possono essere fattore scatenante del mal di testa: tra questi cioccolato, insaccati e wurstel. Il consiglio degli esperti è di fare colazione e attività fisica costante e dormire non meno di 8-10 ore per notte.

(fonte: Ok-salute.it)

Stress da rientro? Respira con il diaframma

Parola all’esperta

ufficio stress

Il rientro delle vacanze è un nota causa di stress: la spiaggia o i freschi sentieri in montagna non possono competere con 8 ore di ufficio e pc. Come spiega Paola Vinciguerra, psicoterapeuta e Presidente dell’Associazione europea per il disturbo da attacco di panico: “lo stress, i ritmi frenetici, le paure e le ansie non fanno respirare correttamente; purtroppo la maggior parte delle persone fa respiri brevi, frequenti e superficiali, con la parte alta del torace”.

Respirare col diaframma

donna respira

Come alleviare quindi lo stress da rientro post-vacanze? Imparando a respirare correttamente, mediante l’utilizzo del diaframma. È sufficiente portare una mano al petto e posizionare l’altra sull’addome (poco sotto la cassa toracica), inspirare profondamente dalle narici per 4/5 secondi, gonfiando la pancia senza forzare. A questo punto dopo aver trattenuto il respiro senza grandi sforzi, si dovrà espirare lentamente espellendo tutta l’aria dalla bocca, liberando così i polmoni.

Diminuisce il livello di stress

relax donna

Dopo 15 minuti di respiri, il tuo livello di stress sarà già notevolmente diminuito, poiché, come spiega la psicoterapeuta: “questi piccoli e ripetuti momenti di respirazione con il diaframma , eseguiti più volte nella giornata sono molto utili per arieggiare la mente, introdurre nei polmoni più quantità d’ossigeno e, dunque, abbassare il livello di stress, convogliando energia pulita sul piano psichico”.

(fonte: Salute-ok.it)

SOS pelle secca post-vacanza

Le cause e i consigli dell’esperto

pelle screpolata

La pelle secca e screpolata al rientro dalle ferie è una reazione di difesa del corpo dall’azione combinata di sole, sale marino e vento. Abbiamo chiesto consiglio all’esperto Francesco Antonacci, dermatologo estetico a Parma, per scoprire come idratare al meglio la pelle a fine estate.

Scrub a giorni alterni

donna scrub

“Innanzitutto è necessario ridurre lo spessore eccessivo dello strato corneo costituito da cellule morte, utilizzando uno scrub a giorni alterni (o almeno due volte a settimana), per il mese successivo al rientro in città”, dice l’esperto.

Trattamenti esfolianti

crema

“Il secondo espediente per tornare ad avere una pelle lucida ed elastica è l’utilizzo di creme e trattamenti esfolianti a base di acido glicolico e salicilico: applicare ogni mattina un prodotto idratante mentre tutte le sere prima di andare a dormire una crema esfoliante”.

Consigli alimentari

acqua

Un ulteriore consiglio dell’esperto è quello di bere molta acqua (almeno 2 litri al giorno) anche sotto forma di infusi e aumentare il consumo di ortaggi e frutta (soprattutto ciò che è ricco di sali minerali e antiossidanti). Da limitare, invece, il consumo di caffè (accentua la disidratazione) e di bevande alcoliche (provocano vasodilatazione con conseguente disidratazione).

(fonte: Ok-salute.it)

Macchie sulla pelle per il sole? Combattile così

L’eccesso di melanina

macchie cutanee

L’eccesso di melanina (pigmento scuro che favorisce l’abbronzatura) che non viene eliminato, può causare macchie solari cutanee. Questo è causa di una sbagliata o scarsa protezione durante le ore di esposizione al sole e si manifesta generalmente al rientro in città.

È necessaria una diagnosi

dermatologa

L’esperto Santo Raffaele Mercuri, Primario di Dermatologia IRCCS dell’Ospedale San Raffaele di Milano spiega che le macchie non sono tutte uguali e per distinguerle è necessaria una diagnosi particolare.

“Il dermatologo dovrà infatti osservare la macchia in un ambulatorio oscurato con la cosiddetta luce di wood per vedere se questa si presenta in superficie o profondità e decidere, quindi, la terapia adatta.

Il melasma

melasma

Ad esempio: il melasma (presentato prevalentemente da donne che hanno appena affrontato una gravidanza o che assumono pillole anticoncezionali), si presenterà sotto forma di macchia parecchio evidente. Il rimedio più adeguato e vantaggioso in questo caso è l’utilizzo dell’idrochinone – acquistabile solo previa prescrizione del dermatologo. Questa soluzione può presentare, però, effetti collaterali come la pelle a coriandolo: nel punto in cui era presente la macchia, si formano delle chiazze giallo-biancastre. È quindi necessario consultare un esperto per evitare ulteriori problemi”.

(fonte: Ok-salute.it)

Fine vacanza traumatico? Fai così

Stress da rientro

uomo scrivania

Con il primo giorno di lavoro il ricordo delle vacanze sembra improvvisamente svanire, al punto che si ha quasi l’impressione di non aver mai staccato. Lo stress da rientro dalle ferie estive colpisce molte persone, sei tra queste? Ecco qualche consiglio pratico, suggerito dagli esperti di Hays (società leader nel recruitment specializzato), per non darla vinta all’ansia.

I consigli degli esperti

orologio uomo

Innanzitutto datti delle priorità: il primo pensiero al rientro è quello di recuperare più lavoro arretrato possibile, scelta che contribuisce solo ad aumentare lo stress. Seleziona le cose più urgenti e, se puoi, per qualche giorno inizia a lavorare non prima delle 10 (lo consiglia uno studio condotto ad Oxford).

Fai un bel respiro

Non stare in spiaggia fino alla sera prima, per un rientro “più leggero” è necessario qualche giorno di relax post-vacanze. Prova, inoltre, a variare la solita routine: cambia itinerario per arrivare in ufficio o il posto in cui pranzi, modifica l’orario della sveglia o inizia un nuovo hobby.

Impara a respirare col diaframma per diminuire stress e ritmi frenetici, fedeli alleati del rientro in ufficio. Ultimo consiglio: un atteggiamento malinconico e insofferente è controproducente, pensa positivo!

(fonte: Ok-salute.it)

OK Salute e Benessere

I CONSIGLI DEGLI ESPERTI PER VIVERE BENE

OK Salute e Benessere racconta ogni giorno il mondo della salute, regala pillole di wellness e fornisce consigli pratici di beauty-routine. In trasmissione Chiara Caretoni è accompagnata da un pool di specialisti che, grazie a professionalità, esperienza e serietà, approfondisce moltissime tematiche con occhio clinico. Dall’alimentazione alle patologie, passando per curiosità, igiene della casa, animali domestici e cura di bambini e anziani, ogni giorno viene affrontato un argomento diverso e di interesse pubblico, con un linguaggio semplice e chiaro (finalmente!).
Se vuoi interagire con OK Salute e Benessere, manda una mail a radio@ok-salute.it
CONDUCE:
 CHIARA CARETONI
IN ONDA: TUTTI I GIORNI
ORA: Alle 11.00