Raoul Bova e Rocío Muñoz Morales genitori bis

Raoul Bova e Rocío Muñoz Morales sono pronti a dare una sorellina o un fratellino alla piccola Luna, che a dicembre festeggerà 3 anni. Gli attori, secondo un’indiscrezione pubblicata dal magazine di gossip Chi, starebbero per diventare genitori bis.

In alcuni scatti pubblicati sulle pagine della rivista, sul corpo dell’attrice si iniziano a notare i primi accenni del fantomatico pancino.Rocío, 30 anni appena compiuti – lo scorso 10 giugno – sarebbe infatti già al quinto mese di gravidanza ma, a parte questo dettaglio, non ci sono altre informazioni. La coppia è conosciuta per la discrezione con cui gestiscono ogni aspetto della loro vita, sia che si tratti della componente mondana e lavorativa sia di quella famigliare.

La coppia

L’incontro tra i due è stato un vero e proprio colpo di fulmine in un momento particolare per la vita di entrambi. Nel 2013 Raoul Bova era ancora sposato con la ex moglie Chiara Giordano da cui ha avuto due figli, Alessandro e Francesco. Rocío, come aveva raccontato a Verissimo, aveva appena messo fine a un rapporto:

«È stato l’incontro tra due persone con le loro ferite. Quando ho conosciuto Raoul ero in un momento in cui provavo molto dolore perché uscivo da un rapporto che mi faceva stare male da tempo. La nostra è stata l’unione di due anime che si capiscono. Ci ha legato da subito la fede e l’amore per la natura».

L’unione tra i due aveva scatenato molte polemiche: «Mi ha ferito essere giudicata a prescindere, senza sapere nulla di me, dei sentimenti che vivevo» aveva dichiarato la ragazza. Dopo aver superato questi primi ostacoli, la famiglia Morales-Bova è finalmente pronta ad allargarsi con il secondogenito in arrivo.

Qual è la merenda migliore per tuo figlio?

L’esperto consiglia

bambini merende

Cosa mettere nello zaino del proprio figlio per merenda a scuola?

Il Professore Ordinario di Pediatria e Direttore dell’Unità Operativa di Pediatria a Media Intensità di Cura della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, Carlo Agostoni, ci spiega che: “mangiare uno snack a metà mattina o metà pomeriggio è molto importante, poiché migliora le prestazioni sui libri contribuendo nel contempo a spezzare la fame. Bisogna, però, saper scegliere la merenda giusta, in modo che questa sia completa, nutritiva ma non pesante o troppo grassa”.

Quale scegliere?

bambini merenda

Il Professore continua raccomandando la selezione di merendine “ricche di carboidrati a lento assorbimento, con grassi provenienti da latticini o derivati e alimenti di facile digeribilità”. Consiglia alle mamme, inoltre, di provare a replicare le merendine industriali presenti sul commercio, combinando in modo analogo la versione casereccia dei prodotti presenti in esse.